PERCHÉ DOVRESTI MASSAGGIARE UNA CICATRICE

IN QUESTO ARTICOLO TROVERAI:

PERCHÉ DOVRESTI MASSAGGIARE UNA CICATRICE

Trattare la cicatrice è parte fondamentale del processo di guarigione

Massaggiare una cicatrice è importantissimo ma partiamo vedendo cos’è una cicatrice: se capisci di cosa si tratta infatti, capisci meglio come trattarla.

Quando si parla di cicatrice si intende un vero e proprio processo di riparazione del tessuto

Durante un intervento o qualsiasi altro episodio invasivo, il nostro tessuto perde elasticità e si riunisce in modo poco lineare come se fosse incollato.

Tutto ciò mette in difficoltà molte parti del nostro sistema come il sistema linfatico, quello muscolare e anche i recettori nervosi. Infatti, è fondamentale massaggiare la cicatrice e idratarla per far sì che guarisca nel migliore dei modi.

Questo evita anche che si formino aderenze, ovvero fasci di tessuto fibroso che si formano fra tessuti, organi o articolazioni a seguito di un trauma o di un intervento chirurgico. Possiamo pensare alle aderenze come a cicatrici interne, che connettono aree anatomiche normalmente non collegate.

Le aderenze possono limitare la mobilità del tessuto o dell’organo e anche portare a dolori cronici.

Come massaggiare una cicatrice

Trattare la cicatrice massaggiando con le mani, una o due volte al giorno, è un ottimo metodo per muovere e scollare i tessuti. 

Bisogna quindi ‘pizzicare’ la pelle così da staccare i tessuti. 

Prima di iniziare questa operazione, è bene aspettare che siano cadute tutte le crosticine della prima fase di guarigione.

Nella prima fase post trauma può essere normale sentire bruciore e prurito durante il massaggio, ma questo succede perché la sensibilità è diversa rispetto a prima. 

Toccare e manipolare il taglio è fondamentale: agendo sul sistema vascolare, aumenta la mobilità profonda e si stimolano le terminazioni sensoriali.

Con l’aiuto di prodotti idratanti come la vitamina C, la vitamina E e il retinolo si può tenere una parte della cicatrice verso l’alto e tirare la pelle da un lato e poi dall’altro. Oppure, se la cicatrice è particolarmente incollata, si possono manipolare i lembi di tessuto prendendo la pelle tra le dita e fare una pressione ben decisa verso l’alto e verso il basso, per cercare di staccarla dai tessuti inferiori. 

Se durante il massaggio la noti un cambio colore è tutto nella norma: i tessuti si stanno vascolarizzando.

Questa operazione si può fare a casa ma l’ideale è fare un lavoro di squadra insieme a un professionista, per avere la certezza di trattare la cicatrice al meglio.

Quanti tipi di cicatrici esistono?

Il tempo di guarigione e la riuscita di una ferita dipende da vari fattori come l’età dei tessuti, la mano del chirurgo (in caso di intervento) e come viene curata e trattata. 

Esistono diversi tipi di cicatrici:

1. cicatrici ipotrofiche: lesioni dove la pelle è molto sottile, che si presentano come smagliature o bruciature;

2. cicatrici ipertrofiche: il taglio sporge dalla pelle e la cicatrice è rossa e dolorosa;

3. cicatrici cheloidi: cicatrici ipertrofiche che escono dall’incisione originaria e causano dolori e pruriti.


In studio analizzeremo la tua cicatrice e il tuo tipo di pelle: ognuno di noi infatti ha bisogno di un trattamento personalizzato e saremo in grado di fornirti il migliore per te. Contattaci qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp

ALTRI ARTICOLI DEL NOSTRO BLOG

Bolognesi di carattere

Ogni mese, una donna ci racconta il suo rapporto con la bellezza e la cura di sé. Scopriremo come l’età, la professione, gli impegni e

Read More »
Bolognesi di carattere

Ogni mese, una donna ci racconta il suo rapporto con la bellezza e la cura di sé. Scopriremo come l’età, la professione, gli impegni e

Read More »
Bolognesi di carattere

Ogni mese, una donna ci racconta il suo rapporto con la bellezza e la cura di sé. Scopriremo come l’età, la professione, gli impegni e

Read More »

PRENOTA IL TUO TRATTAMENTO ADESSO